Privacy Policy
Scuola DemenzAlzh

Esperienze…

“Quanto lungo”? ….balbetta, si mette le mani sulle labbra e poi dice ancora. “Quanto duro?”. Ed io lì ero spalle a muro. Non mi è stata mai fatta una domanda così diretta da una persona con una demenza. Alzheimer per la precisione. Eppure lui era lì, mi guardava negli occhi, fiero della sua persona e di quello che era stato il suo “ruolo sociale”. E io facevo quasi fatica a reggere il suo sguardo. Attendeva una risposta da me e con lui anche la moglie e la figlia. Ha capito la mia debolezza e mi ha preso la mano. Era lui a darmi conforto. Lui.
“Non posso dirle con precisione la durata. Sarà un cammino lungo molti anni probabilmente. L’importante è prepararsi, attrezzarsi per questo tempo nuovo che verrà e principalmente accettare dentro di voi il cambiamento che noterete. Non siete soli. Cammineremo insieme”. Non ho detto altro. Non riuscivo a dire altro. Erano le uniche parole che sono riuscita a dire. Mi vergognavo. Era facile per me parlare con quelle anime disgregate. “Ti chiedo perdono” gli ho sussurrato all’orecchio mentre ci siamo salutati. “Ti rivedrò” mi ha risposto.

Info sull'autore

Elena Sodano

Aggiungi commento

Clicca qui per pubblicare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Prossimi Eventi

Ra.Gi. Onlus Channel