Privacy Policy
Ultime News

Anziano chiuso in gabbia in casa di risposo, medico a processo

Ma perché scadalizza una notizia come questa datata 2013? Forse perché appartiene ad una struttura NON AUTORIZZATA nel palermitano? Allora occorrerebbe postare ogni giorno tutte le notizie sul maltrattamento degli anziani “rinchiusi” nella Rsa o Case Protette di tutta Italia. E ve lo garantisco sono davvero tante.

Perché scandalizza quando alla fine nessuno insorge e quando a nessuno importa. E qui non si tratta di riuscire ad applicare un metodo o un altro per sensibilizzare l’animo di medici, operatori e terapeuti. Qui le cause sono molto ma molto più profonde. Fanno parte di un tessuto socio sanitario e socio assistenziale ancora malato ma che per fortuna si sta ridimensionando. 

I controlli assenti, le autorizzazioni date agli amici solo perché ogni anziano è un bancomat prezioso. Oggi gli extracomunitari costano di più degli anziani e ingrassano per bene le tasche!

Le famiglie che non controllano e che delegano alle strutture oppure a badanti inesperte e senza scrupoli, il compito di “tenere a bada” Il proprio affetto. Che tristezza! 

E poi i medici delle Asp territoriali che, sballottati a destra e a manca non riescono a farsi carico delle persone ricoverate in queste strutture, personale ridotto ai minimi e psicologicamente sfinito in un rapporto operatore/paziente che si riesce a gestire a malapena e tanto, tanto altro.

E allora invece di scandalizzarci conosciamo per prima cosa la realtà socio assistenziale e sanitaria che noi abbiamo creato e voluto per loro. Si, proprio noi.

E da questo assumiamocene tutte le responsabilità.

Articolo originale qui

Info sull'autore

Elena Sodano

Aggiungi commento

Clicca qui per pubblicare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Prossimi Eventi

Ra.Gi. Onlus Channel